Analisi bioimpedenziometrica

Cos’è l’analisi?

L’analisi bioimpedenziometrica o BIA è un esame che permette di valutare la composizione corporea e lo stato nutrizionale del soggetto analizzando la capacità dei tessuti di corporei di condurre elettricità.

La BIA ha come vantaggio quello di essere un esame rapido, a basso costo e non invasivo.

Quali informazioni si possono ottenere con questo esame?

Con la BIA possiamo ottenere informazioni su:

– massa magra (FFM): è costituita da tutto ciò che non è grasso, quindi da acqua, organi e muscoli. La componente più importante della massa magra è la SMM (massa muscolare scheletrica) formata dai muscoli responsabili della postura e del movimento. La valutazione di questo parametro è utile per capire se si è a rischio di sarcopenia, una condizione caratterizzata dalla perdita di massa e funzionalità muscolare.

– massa grassa (FM): è costituita dal tessuto adiposo che oltre alle note funzioni di riserva energetica e di termoregolazione costituisce un organo endocrino in grado di rilasciare ormoni e sostanze metabolicamente attive.

– acqua totale e la sua suddivisione in extracellulare e intracellulare: l’acqua rappresenta circa il 60% del peso corporeo ed è fondamentale per il funzionamento dell’intero organismo. La valutazione della sua ripartizione all’interno e all’esterno delle cellule permette di valutare lo stato di salute delle cellule e dei sistemi di drenaggio.

– Massa cellulare (BCM): costituisce il tessuto metabolicamente attivo.

– Stato di salute delle cellule e dei tessuti: l’angolo di fase (PA), detto anche “indicatore di vitalità/mortalità” da informazioni sullo stato di salute.

Come si esegue?

Dopo essersi sdraiati sul lettino, si posizionano due elettrodi sul dorso della mano destra e del sul dorso del piede destro. 

In pochi minuti il macchinario fornisce due valori che vengono elaborati da un sofware dedicato e analizzati dal professionista.

Perché è utile eseguire l’analisi durante la prima visita e nei controlli successivi?

Eseguire la BIA durante la prima visita permette di avere una fotografia sul proprio stato nutrizionale e sulla propria composizione corporea prima dell’intervento nutrizionale.

Eseguirla durante i controlli ha come scopo quello di valutare tutto ciò che la bilancia e il centimetro (per la valutazione delle circonferenze) non ci dicono. 

Consideriamo queste due situazioni:

  1. il peso corporeo è rimasto uguale dopo 2 settimane di intervento nutrizionale –> se ci fermassimo alla bilancia potremmo vedere questa situazione come un fallimento, invece con la BIA vediamo un cambiamento della composizione corporea con diminuzione della massa grassa e un aumento di quella muscolare. Il piano nutrizionale ha avuto effetto perchè la composizione corporea è migliorata.
  2. il peso è diminuito dopo 2 settimane di intervento nutrizionale –> se ci fermassimo alla bilancia potremmo vedere questa situazione come una vittoria, tuttavia non sappiamo cosa è stato perso, infatti potrebbero essere liquidi, grasso oppure muscolo. Solo con l’analisi BIA possiamo valutare se le perdita registrata è stata positiva (liquidi, grasso) o negativa (muscolo).

Perciò la BIA rappresenta un valido strumento per capire come il corpo lavora prima di iniziare il percorso nutrizione e come reagisce quando si vanno a modificare le abitudini alimentari e lo stile di vita.

Prenota una visita per valutare la tua composizione corporea!